GEOFISICA APPLICATA

Il settore si occupa delle metodologie di misura e di acquisizione   di dati per la determinazione delle strutture geologiche e delle caratteristiche   fisiche del sottosuolo, sia sulle terre emerse sia sui fondali marini, e pertanto   anche dello sviluppo degli strumenti per la misura e delle metodologie per la   modellizzazione, per l'elaborazione e l’interpretazione dei dati. La prospezione   geofisica del sottosuolo si applica allo studio della crosta terrestre, allo   sfruttamento delle georisorse (idrocarburi, fluidi endogeni, minerali, risorse   idriche), alla determinazione dei rischi sismici, vulcanici, geologici e idrogeologici,   alla caratterizzazione, con metodologie geofisiche, delle componenti ambientali   relative al suolo e sottosuolo e all'ambiente idrogeologico, allo studio del   substrato a fini geologico-tecnici, geotecnici, archeologici, naturalistici   e di ingegneria civile. Per raggiungere tali scopi, la geofisica applicata si   avvale di indagini di superficie, misure in pozzo e telerilevamento di dati   geofisici. Il settore cura anche l'educazione scientifica e la didattica delle   geoscienze.